Maalox Compresse Antiacido 400mg 400mg 40 Compresse Masticabili
zoom_out_map
chevron_left chevron_right

*Le immagini dei prodotti presentati sono puramente indicative e hanno il solo scopo di rappresentare l'articolo.

Maalox Compresse Antiacido 400mg 400mg 40 Compresse Masticabili

Maalox Compresse Masticabili si usa nel trattamento sintomatico del bruciore e dell'iperacidità dello stomaco occasionali.

13,90 € Tasse incluse

12,64 € Tasse escluse

notifications_active Ultimi articoli in magazzino

Attenzione :
In caso di esaurimento scorte, l'ordine potrebbe subire variazioni

Descrizione
DENOMINAZIONE
MAALOX


PRINCIPIO ATTIVO
100 ml di sospensione contengono: - Principi attivi: magnesio idrossido 3,65 g alluminio idrossido 3,25 g Eccipiente(i) con effetti noti: metile paraidrossibenzoato, propile paraidrossibenzoato, sorbitolo. Per l&rsquoelenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1. Una compressa contiene: - Principi attivi: magnesio idrossido 400 mg alluminio ossido idrato 400 mg Eccipiente(i) con effetti noti: saccarosio polvere con amido, saccarosio, sorbitolo, alcol benzilico (contenuto nell&rsquoeccipiente aroma menta polvere) (vedere paragrafi 4.4 e 4.6). Per l&rsquoelenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


ECCIPIENTI
MAALOX 3,65% + 3,25% sospensione orale Metile paraidrossibenzoato, propile paraidrossibenzoato, acido citrico monoidrato, sorbitolo liquido non cristallizzabile, mannitolo, menta essenza, saccarina sodica, acqua depurata. MAALOX 400 mg + 400 mg compresse masticabili Saccarosio polvere con amido, sorbitolo, mannitolo, magnesio stearato, menta aroma polvere (contiene alcol benzilico), saccarina sodica, saccarosio.


INDICAZIONI TERAPEUTICHE
Trattamento sintomatico del bruciore e dell&rsquoiperacidit&agrave dello stomaco occasionali.


CONTROINDICAZIONI
- Ipersensibilit&agrave ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1. - Pazienti affetti da porfiria. - Forme gravi di insufficienza renale (vedere paragrafo 4.4). - Generalmente controindicato in et&agrave pediatrica. - Stato di cachessia.


POSOLOGIA
MAALOX 3,65% + 3,25% sospensione orale Posologia Ingerire da 2 a 4 cucchiaini (10-20 ml), 4 volte al giorno, 20-60 minuti dopo i pasti e prima di coricarsi. Modo di somministrazione Agitare bene prima dell&rsquouso. Pu&ograve essere preso anche in acqua o latte. MAALOX 400 mg + 400 mg compresse masticabili Posologia 1-2 compresse 4 volte al giorno ben masticate o succhiate, 20-60 minuti dopo i pasti e prima di coricarsi. Modo di somministrazione Le compresse devono essere ben masticate o succhiate. La loro assunzione pu&ograve essere seguita dall&rsquoingestione di acqua o latte. Popolazione pediatrica Non &egrave raccomandata la somministrazione del medicinale in et&agrave pediatrica. Non superare la dose massima indicata.


CONSERVAZIONE
MAALOX 3,65% + 3,25% sospensione orale: Non conservare a temperatura inferiore a 4&degC. Tenere il flacone ben chiuso. MAALOX 400 mg + 400 mg compresse masticabili Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.


AVVERTENZE
L&rsquoalluminio idrossido pu&ograve causare stitichezza e un sovradosaggio di sali di magnesio pu&ograve causare ipomotilit&agrave dell&rsquointestino alte dosi di questo medicinale possono causare o aggravare l&rsquoostruzione intestinale e dell&rsquoileo nei pazienti a pi&ugrave alto rischio, come quelli con compromissione renale, con stipsi di base, con alterazione della motilit&agrave intestinale, in bambini (da 0 a 24 mesi), o anziani. L&rsquoalluminio idrossido non &egrave ben assorbito dal tratto gastrointestinale, e gli effetti sistemici sono quindi rari in pazienti con una normale funzionalit&agrave renale. Tuttavia, dosi eccessive o uso a lungo termine, o anche dosi normali in pazienti con diete povere di fosforo o in bambini (da 0 a 24 mesi), possono portare ad eliminazione del fosfato (a causa di un legame alluminio-fosfato) accompagnata da un aumento del riassorbimento osseo e ipercalciuria con rischio di osteomalacia. Si consiglia di consultare il medico nel caso di un uso a lungo termine o in pazienti a rischio di ipofosfatemia. Nei pazienti con compromissione renale i livelli plasmatici di alluminio e magnesio tendono ad aumentare causando rispettivamente iperalluminemia e ipermagnesiemia. In questi pazienti, lunghe esposizioni ad alte dosi di sali di alluminio e magnesio possono condurre a encefalopatie, demenza, anemia microcitica o al peggioramento di osteomalacia da dialisi. In presenza di forme lievi e moderate di insufficienza renale si consiglia di assumere il prodotto sotto il diretto controllo del medico. In questi pazienti deve essere evitato l&rsquouso prolungato del medicinale. L&rsquoalluminio idrossido potrebbe non essere sicuro in pazienti affetti da porfiria sottoposti ad emodialisi (vedere paragrafo 4.3). Popolazione pediatrica Nei bambini piccoli l&rsquouso di magnesio idrossido pu&ograve portare a ipermagnesemia, in particolare se presentano danno renale o disidratazione. MAALOX 3,65% + 3,25% sospensione orale contiene: &bull paraidrossibenzoati: possono causare reazioni allergiche (anche ritardate). &bull circa 98 mg di so rbitolo in 10 ml (2 cucchiaini). Ai pazienti con intolleranza ereditaria al fruttosio non deve essere somministrato questo medicinale. &bull meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per dose, cio&egrave &egrave essenzialmente &ldquosenza sodio&rdquo. MAALOX 400 mg + 400 mg compresse masticabili contiene: &bull circa 125 mg di sorbitolo per compressa. Ai pazienti con intolleranza ereditaria al fruttosio non deve essere somministrato questo medicinale. &bull Saccarosio, i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, da malassorbimento di glucosio-galattosio, o da insufficienza di sucrasi isomaltasi, non devono assumere questo medicinale. &bull meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per dose, cio&egrave &egrave essenzialmente &ldquosenza sodio&rdquo. &bull 0.000072 mg di alcol benzilico per compressa. Alcol benzilico pu&ograve causare reazioni allergiche. &bull Grandi volumi devono essere usati con cautela e solo se necessario, durante la gravidanza e l&rsquoallattamento e in pazienti con insufficienza epatica o renale, a causa del rischio di accumulo e tossicit&agrave (acidosi metabolica).


INTERAZIONI
Poich&egrave i sali di Al e Mg riducono l&rsquoassorbimento gastroenterico delle tetracicline si raccomanda di evitare l&rsquoassunzione di Maalox durante la terapia tetraciclinica per via orale. L&rsquouso di antiacidi contenenti alluminio pu&ograve ridurre l&rsquoassorbimento di farmaci come gli H2-antagonisti, atenololo, cefdinir, cefpodoxime, clorochina, tetracicline, diflunisal, digoxina, bisfosfonati, etambutolo, fluorochinoloni, fluoruro di sodio, glucocorticoidi, indometacina, isoniazide, ketoconazolo, levotiroxina, lincosamidi, metoprololo, neurolettici fenotiazinici, penicillamine, propranololo, rosuvastatina, sali di ferro. &bull Polistirene sulfonato (Kayexalate) Si raccomanda cautela quando il medicinale &egrave assunto insieme a polistirene sulfonato (Kayexalate) a causa del rischio potenziale di ridotta efficacia della resina nel legare il potassio, di alcalosi metabolica in pazienti con compromissione renale (segnalato con idrossido di alluminio e idrossido di magnesio), e di ostruzione intestinale (segnalato con idrossido di alluminio). &bull Idrossido di alluminio e citrati possono provocare iperalluminemia, specialmente nei pazienti con compromissione renale. Lasciar trascorrere almeno due ore (4 per i fluorochinoloni), prima di assumere MAALOX per evitare l&rsquointerazione con gli altri farmaci. L&rsquouso contemporaneo di chinidina pu&ograve determinare l&rsquoaumento dei livelli di chinidina nel siero e portare a sovradosaggio di chinidina. L&rsquoutilizzo contemporaneo di alluminio idrossido e citrati pu&ograve portare ad un aumento dei livelli di alluminio, particolarmente nei pazienti con insufficienza renale. L&rsquoalcalinizzazione dell&rsquourina successiva alla somministrazione di magnesio idrossido pu&ograve modificare l&rsquoescrezione di alcuni farmaci pertanto, &egrave stata osservata una maggiore escrezione di salicilati.


EFFETTI INDESIDERATI
La frequenza degli effetti indesiderati di seguito riportati &egrave definita utilizzando le seguenti convenzioni: comune (&ge1/100, &lt1/10) non comune (&ge1/1.000, &lt1/100) raro (&ge1/10.000, &lt1/1.000) molto raro (&lt1/10.000) non nota (la frequenza non pu&ograve essere definita sulla base dei dati disponibili). Disturbi del sistema immunitario. Frequenza non nota: angioedema, reazioni anafilattiche, reazioni di ipersensibilit&agrave, orticaria, prurito. Patologie gastrointestinali. Non comuni: diarrea o stipsi (vedere paragrafo 4.4) Frequenza non nota: dolore addominale. Disturbi del metabolismo e della nutrizione. Molto raro: ipermagnesemia, comprese le osservazioni dopo somministrazione prolungata a pazienti con danno renale Frequenza non nota: iperalluminemia, ipofosfatemia, durante l&rsquouso prolungato o ad alte dosi o anche a dosi normali del medicinale in pazienti con diete povere di fosforo o in bambini (da 0 a 24 mesi), che pu&ograve causare un aumento del riassorbimento osseo, ipercalciuria, osteomalacia (vedere paragrafo 4.4). Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l&rsquoautorizzazione del medicinale &egrave importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari &egrave richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all&rsquoindirizzo: http://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.


SOVRADOSAGGIO
L&rsquoesperienza sul deliberato sovradosaggio &egrave molto limitata. I casi di sovradosaggio con sali di alluminio si possono verificare pi&ugrave facilmente nei pazienti con compromissione renale grave cronica con sintomi seguenti: encefalopatia, convulsioni e demenza, ipermagnesiemia. I sintomi pi&ugrave frequentemente riportati di sovradosaggio acuto con alluminio idrossido e in combinazione con sali di magnesio includono diarrea, dolore addominale e vomito. Alte dosi di questo medicinale possono causare o aggravare l&rsquoostruzione intestinale e dell&rsquoileo in pazienti a rischio (vedere paragrafo 4.4). Come in tutti i casi di sovradosaggio il trattamento deve essere sintomatico, adottando misure di supporto generiche. L&rsquoalluminio e il magnesio sono eliminati tramite l&rsquoescrezione urinaria il trattamento del sovradosaggio da magnesio prevede reidratazione e diuresi forzata. In caso di insufficienza renale &egrave necessaria emodialisi o dialisi peritoneale.


GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
Gravidanza Il medicinale deve essere usato solo in caso di necessit&agrave, sotto il diretto controllo del medico, dopo aver valutato il beneficio atteso per la madre in rapporto al possibile rischio per il feto o per il lattante. Allattamento In seguito al limitato assorbimento materno quando assunto secondo il regime posologico indicato (vedere paragrafo 4.2), l&rsquoalluminio idrossido e le sue combinazioni con sali di magnesio sono considerati compatibili con l&rsquoallattamento. Grandi volumi di alcol benzilico devono essere usati con cautela e solo se necessario durante la gravidanza e l&rsquoallattamento, a causa del rischio di accumulo e tossicit&agrave (acidosi metabolica) (vedere paragrafo 4.4).


Scheda tecnica
Maalox
020702054
1 Articolo
Produttore
Sanofi Spa
Formulazione
Compresse
Detraibile
SI
chat Commenti (0)